FV0858
...
29 Marzo Mar 2017 1615 5 months ago

Il rifacimento del pavimento del Duomo in una foto del 1941

La posa del nuovo pavimento della navata intermedia di sinistra

In questa foto del 1941, attualmente conservata nella fototeca dell’Archivio della Veneranda Fabbrica del Duomo, è possibile ammirare una fase dell’immenso lavoro di rinnovo del pavimento delle navate iniziato nel 1935 e conclusosi nel 1954. Come viene specificato nella descrizione riportata in inventario, la foto presentata oggi mostra “La posa del nuovo pavimento della navata intermedia di sinistra”.

Le lastre di marmo spesse 6 cm vengono gradualmente sostituite a partire dalle campate dell’angolo nord-ovest della facciata, restando però fedeli al progetto cinquecentesco di Pellegrino Pellegrini: l’elemento decorativo di base è un quadrato contente un disegno geometrico floreale che si ripete in modo sfalsato così da formare una sorta di grande tappeto policromo. Le uniche modifiche apportate al disegno originario sono delle semplificazioni nella decorazione, retaggio del XIX secolo.

Questo tipo di intervento si rende necessario a causa dell’usura disomogenea della pavimentazione prodotta dal calpestio di fedeli e turisti.

Le formelle intarsiate che ricoprono la superficie del pavimento della Cattedrale sono infatti composte da tre diversi tipi di marmo: il Candoglia, il nero di Varenna e il rosso d’Arzo.

Emerge in modo evidente come il marmo di Candoglia tenda a deteriorarsi maggiormente e più in fretta dei marmi rosso e nero: ciò non può che provocare dissesti, incavature e, nei casi più gravi, il distacco della parte intarsiata.

Da qui il bisogno di interventi sistematici, manutenzioni, monitoraggi e regolari rifacimenti, portati avanti dai Cantieri della Fabbrica incessantemente da oltre sei secoli.

L’Archivio e nello specifico la Fototeca sono aperti alla consultazione dal martedì al venerdì dalle ore 9.30 alle 17.30, esclusivamente su appuntamento.